La confusione morale By Lodovico Festa

Dopo La provvidenza rossa, un successo con oltre 30.000 copie vendute, ritorna il grande affresco milanese e nazionale di Lodovico Festa, tra storia e politica, giallo e cronaca urbana. Il suo sguardo letterario e ironico si sposta dal PCI al partito socialista, nel momento della sua massima influenza politica. Gli anni dell’esplosione della moda, del rampantismo, dei paninari, della Milano da bere. La confusione morale

Proseguono le avventure del sempre più dubbioso Cavenaghi, Barba finta comunista, questa volta, 7 anni dopo ad indagare nel sottobosco del potere milanese all'epoca di Craxi....
Stile interessante, ma romanzo a tema, per dimostrare (data la evoluzione dell'autore in quegli anni) che i cveri modernizzatori erano i socialisti, mentre il PCI insieme alla Sinistra DC erano i conservatori di un mondo (guerra fredda) ormai finito...
Giallo sottotono, e alcuni riferimenti esterni al giallo non collimano con l'anno in corso...
Anche qui si cita Come fu forgiato l'acciaio che deve essere stato il romanzo di formazione del giovane Festa nel PCI (mi toccherà leggerlo...)
La confusione morale persone e avvenimenti di questo romanzo - a parte alcuni citati coi loro nomi e cognomi - sono inventati, ci tiene a sottolineare l'autore.
eccerto, perché cino bagnoli, bono aldetti o emilio roccia (tanto per citare solo i primi tre che mi vengono in mente) sono inventatissimi.
La confusione morale

Lodovico Festa ´ 8 Download

La